Gli abbinamenti migliori per il pranzo di Pasqua toscano

Recipes&Pairings
Gli abbinamenti migliori per il pranzo di Pasqua toscano

Rendi speciale il tuo pranzo di Pasqua quest'anno e prepara i piatti della tradizione toscana da abbinare con i vini giusti. Ogni regione italiana celebra questa festa con le ricette e i sapori locali. In Toscana, ad esempio, si mangiano primi primaverili molto freschi, come il risotto ai carciofi e le lasagne agli asparagi, e l’agnello alla griglia, dal sapore estremamente ricco, come secondo. 

Agnello alla griglia & Nobile di Montepulciano
L’agnello ha un sapore intenso e selvatico, ecco perché un perfetto abbinamento è quello con il Nobile di Montepulciano dalle note di frutti rossi, una bassa quantità di tannini e una spiccata acidità. Con una carne tanto saporita, infatti, è meglio evitare vini eccessivamente tannici. Inoltre, il Nobile di Montepulciano ha un retrogusto terroso che esalta bene il rosmarino, tipico condimento dell’agnello. 

Pecorino & Vermentino
Il Vermentino è un vino bianco di medio corpo dagli aromi freschi di erbe varie. Si abbina benissimo con il pecorino, che ha un sapore molto più forte rispetto al più comune parmigiano. Questo vino rinfresca il palato e contrasta la sapidità e la ricchezza del formaggio. 

Risotto ai Carciofi & Gewurztraminer
I carciofi sono una verdura difficile da abbinare, a causa del loro sapore al contempo dolce e amaro. Il risotto è un piatto cremoso e un Gewurztraminer, con le sue intense note floreali e speziate e l’aroma affumicato nel finale, è l’ideale. 

Lasagna agli asparagi & Spumante Brut
Lo Spumante Brut è un vino italiano secco e rinfrescante, che si abbina splendidamente a un piatto ricco e cremoso come la lasagna agli asparagi. Anche questi ultimi presentano un sapore leggermente amaro, che viene stemperato facilmente dallo spumante. 

Pasta con ragù di salsiccia & Chianti Classico Riserva
L’abbinamento tradizionale per questo piatto semplice ma delizioso è il Chianti, un vino molto acido che esalta il sugo di pomodoro. La sua consistenza secca, inoltre, contrasta il grasso della salsiccia. 

Con i giusti abbinamenti non si valorizza soltanto il piatto, ma anche il vino in questione, rivelandone le sfumature più nascoste.

Premi invio per effettuare la ricerca e esc per annullare.